Il celebre artista italiano presenta il suo ultimo lavoro alla prima mostra internazionale dedicata al fumetto asiatico

MANGASIA: Wonderlands of Asian Comics, la prima mostra internazionale dedicata al fumetto asiatico, approdata nella splendida cornice di Villa Reale a Monza, si arricchisce di una nuova opera, realizzata attraverso la tape art dal celebre artista NO CURVES.

Il noto street artist italiano ha voluto omaggiare lo straordinario progetto realizzato dal Barbican Centre di Londra con un’opera in esclusiva, intitolata NEON SAKURA.

La contemporaneità della tape art incontra così l’affascinante mondo dei manga permettendo ai visitatori di vivere un’esperienza artistica fuori dagli schemi, tra passato e presente, tra l’immaginario orientale e la realtà.

NEON SAKURA è per il suo autore “un tributo al mondo colorato del Giappone, partendo dalla cultura Kawaii, dagli animali domestici virtuali del Tamagotchi, le cyber-bambole, sino ai cosplayers che si ispirano ai personaggi dei manga e delle anime. Un robot immaginario, vestito come un tenero orso, che contiene in sé i concetti dell’artificialità e dell’immaturità giovanile, e che stringe tra le dita robotiche un fiore di ciliegio (in giapponese: sakura), simbolo di fragilità, rinascita e della bellezza dell’esistenza”.

Nessuna curva, solo linee rette e angoli, spigoli e tratti grafici disegnati con il nastro adesivo, NO CURVES interpreta senza linee curve l’estetica del fumetto e della cultura pop giapponese, qui celebrata attraverso l’uso di nastri adesivi fluo che con attente sovrapposizioni e intrecci geometrici danno vita ad una doppia opera, una scultura di oltre 2 metri e la sua controparte illustrata.

Una mostra in cui poter esplorare il fantastico mondo del fumetto asiatico e la sua evoluzione attraverso un’analisi che prende in considerazione la storia, le influenze, i contesti sociali, fino a giungere agli ultimi sviluppi, ricercando sempre quello che è il processo creativo che porta alla produzione delle storie.

Un percorso articolato che mette a confronto i più storici e iconografici fumetti del manga asiatico con le novità sui prodotti animati: dagli ologrammi ai body tracking grazie al quale i visitatori sono capaci di governare un gigantesco mecha, un robot virtuale.

Tra le sale della Villa Reale di Monza si viene così rimbalzati in un discorrere continuo tra passato e presente, tra immaginario orientale e lo street attuale, in un’esperienza che celebra il fumetto valorizzandone l’influenza estetica e culturale e che vi aspetta fino al 3 giugno!

 

INFO: www.nocurves.ws

PHOTO COURTESY: Federico Laddaga

Junior Alban

No Curves

No Curves

No Curves

No Curves