Ci si sofferma poco sul pubblico che partecipa agli eventi. Può capitare di essere sopraffatti dalla folla o dall’ininterrotto fluire dei propri pensieri che ci portano a naufragare su isole lontane. Se proviamo a sfuggire a queste interferenze interne o esterne ed a riavvicinarci al qui ed ora può succedere a volte di rimanere sorpresi da piccoli eventi inattesi. Può succedere di scegliere una direzione casuale e ritrovarsi ad una performance für Menschen ab 5 – per persone dai cinque anni in su – dell’artista Colette Sadler. “We are the monsters” è un breve intermezzo popolato da creature mostruose, che hanno preso forma da capi di abbigliamento dai colori accesi e brillanti. Mostri fatti di cose o cose mostruose? La prospettiva presto si ribalta se iniziamo a riflettere sull’influenza giocata dai beni materiali, dagli oggetti, dagli esseri inanimati che, a ritmo di musica, finiscono per impossessarsi delle nostre vite fino a divenire ossessione e trofei a cui ambire. I mostri si celavano dietro ad un muro di cartoni, di scatole che si utilizzano per impacchettare i propri averi e trasferirli, spostarli in un altro luogo. Questi contenitori, così vuoti e leggeri, volteggiavano nello spazio, atterravano con tonfi sordi. Il pubblico, composto in maggioranza da bambini, si animava con alcune risate o con accennate grida di stupore soprattutto quando i mostri si avvicinavano fino quasi a sfiorarli. Questa performance è parte del programma, in corso fino a maggio 2019, Über die Dinge / On things allo Sch wa nk halle di Brema. Artisti internazionali sono stati invitati a dialogare con i loro progetti che riguardano le cose, gli oggetti, coinvolgendo il pubblico di tutte le età, offrendo linguaggi multiformi e inclusivi. Quei mostri che spaventavano o facevano sorridere le persone dai cinque anni in su presenti nella sala sono capaci di prendere il sopravvento e trasformare il viaggio della vita in una corsa continua verso l’ultima moda, come un treno che finisce per portarci sempre più lontano dalle finalità immanenti.

 

Vanessa Marchegiani

 

Colette Sadler, We Are Monsters, Kalle Kuikkaniemi

Colette Sadler, We Are Monsters, Kalle Kuikkaniemi

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

In cover: Colette Sadler, We Are Monsters, Kalle Kuikkaniemi

Über die Dinge / On things da gennaio 2019 a maggio 2019

We are the Monsters / Colette Sadler

2.2 e 3.2

presso Sch wa nk hal le, Buntentorsteinweg 112, Brema, Germania

www.schwankhalle.de