Because it’s in my blood è la prima personale in Italia dell’artista newyorchese Kennedy Yanko, presso la sede di Milano della Galleria Poggiali ed avrà luogo dal 24 settembre al 20 novembre 2020.

L’artista lo scorso anno ha realizzato 3 WAYS, la sua prima opera pubblica presso il Poydras Corridor a New Orleans in collaborazione con The Helis Foundation e l’Ogden Museum of Art. Nello stesso anno è stata nominata per l’Art Forum’s “Critic’s Pick” e ha ricevuto il Colene Brown Art Prize dalla BRIC Arts Media. In questi stessi giorni Yanko inaugurerà la sua personale, SALIENT QUEEN, presso la galleria VIELMETTER di Los Angeles.

Because it’s in my blood

Because it’s in my blood, è un omaggio alla cantante americana Betty Davis. Il titolo è tratto dalla canzone F.U.N.K contenuta nell’album Nasty Gal del 1975. Simbolo di una generazione ed esempio di emancipazione, Betty Davis, attraverso la sua musica, ha espresso la sua insofferenza nei confronti della società affermando la sua indipendenza ed andando contro tutti i dettami che regolano i comportamenti ed i ruoli sociali. Tema di attualità in ogni epoca è la necessità di essere liberi, di essere sé stessi senza censure.

Le opere esposte in Because it’s in my blood si sottraggono alle aspettative, alle associazioni e alle nozioni preconcette nello spirito di Betty Davis, dei surrealisti e di coloro che lottano continuamente per annullare la fissità delle concezioni umane. I lavori invitano chi li osserva ad esaminarli senza fretta. Il rame affilato sembra sostenere l’installazione, mentre la pelle scivola via nella sua fragilità. Le dinamiche relazionali sono aperte e indefinite, in continuo dialogo e mutamento.

 

Vanessa Marchegiani